La Malesia più selvaggia, ecco Sarawak

La Malesia più selvaggia, ecco Sarawak

Nella parte Malese dell’Isola del Borneo si trova Sarawak, uno dei tre terreni che compongono la nazione del Sud Est Asiatico, stato che rappresenta come nessuno la fusione di cultura e natura orientale, visto che ospita in totale circa 30 milioni di persone tra malesi appunto, indiani, cinesi e tanti altri gruppi etnici.

La Malesia nel corso degli anni è diventata una destinazione molto ambita a livello internazionale, anche gli italiani si stanno muovendo in quella direzione visto che solo nel 2020 si sono registrati quasi un 7% in più di arrivi dall’Italia (sono invece quasi 14 milioni i turisti che sono arrivati dal resto del Mondo).

Per incrementare ulteriormente l’interesse dei viaggiatori italiani verso la Malesia l’Ambasciata della Malesia in Italia, insieme all’Ente Turismo della Malesia, ha organizzato mercoledì 25 settembre una serata speciale, concentrata in particolare sulla regione del Sarawak, nota per le sue bellezze naturali.

Il Sarawak offre un’alternativa per coloro che cercano autenticità lontano dai cliché per turisti. Scoprire il  Sarawak significa percorrere le strade meno conosciute, condividere lo stile di vita delle molte comunità indigene, esplorare grotte gigantesche nel Parco Nazionale Gunung Mulu, patrimonio mondiale dell’UNESCO, o visitare la “città dei gatti” Kuching.

Il direttore del Turismo Malesia Italia, Libra Haniff, che vive a Parigi, ha commentato: “Questa serata sul Sarawak ha lo scopo di mettere in evidenza tutti gli aspetti naturali di questa regione, dalla foresta selvaggia, alla tribù Dayak, al centro di riabilitazione Orang Utan di Semenggoh, alle grotte più belle del mondo, per non parlare dei Pinnacoli, che sono vere meraviglie naturali ”.

L’incontro, officiato nella prestigiosa sede dell’Ambasciata Malese, in collaborazione con l’ambasciatore della Malesia in Italia, Sua Eccellenza Dato Abdul Malik Melvin Castelino, ha visto succedersi musiche e danze tradizionali del Sarawak,  una presentazione sulla regione, e una degustazione delle prelibatezze della regione.

La multiculturalità della Malesia l’ha resa un paradiso gastronomico e un paese di diversità culturale e artistica con innumerevoli manifestazioni vivaci e colorate. La meraviglia della sua natura e dei suoi paesaggi sembrano riportarci indietro nella primordialità.

La capitale della Malesia, Kuala Lumpur, le idilliache spiagge di Langkawi (isola classificata dall’Unesco Geopark), la foresta e le montagne del Sabah e del Sarawak, le città di Penang e Melaka classificati come patrimonio mondiale dell’UNESCO, Il Parco Nazionale di Gunung Mulu nel Sarawak e Taman Negara Park, una delle più antiche foreste tropicali del pianeta, sono tra i luoghi più importanti del paese.

Questo paese è a buon diritto una delle “tigri asiatiche”, passando da nazione in via di sviluppo a paese sviluppato, diventando un importante attore nella scena internazionale del turismo.

 

 

One thought on “La Malesia più selvaggia, ecco Sarawak

Comments are closed.